Quando la frase è tinta di bianco

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Esistono molte espressioni linguistiche in una lingua il cui significato è convenzionale. Dietro però ad ognuna di esse si nascondono ragioni storiche, linguistiche, antropologiche, sociologiche e psicologiche. A titolo esemplificativo in questo articolo vengono citati alcuni modi di dire italiani che contengono il colore bianco con la relativa spiegazione del loro uso e dei motivi che hanno portato al loro utilizzo.

Ecco perché alcuni detti hanno a che fare con il colore bianco

Un modo di dire è un particolare detto che si definisce come “una locuzione tipica di un certo sistema linguistico”, da una lingua a un’altra può essere diverso oppure non essere presente. Di solito sono espressioni convenzionali. Dietro però ad ognuna di esse si nascondono ragioni storiche, linguistiche, antropologiche, sociologiche e psicologiche. A titolo esemplificativo verranno nel prossimo paragrafo citati alcuni modi di dire italiani che contengono il colore bianco con la relativa spiegazione del loro uso e dei motivi che hanno portato al loro utilizzo.

Espressioni con il colore bianco

“Essere una lupa bianca” esprime qualcosa di molto raro, strano e misterioso, che sembra quasi opera di una magia. Il lupo bianco, albino, esiste anche se non è comune ed è dovuto al fenomeno genetico dell’albinismo maggiormente diffuso negli esemplari maschi, per questo la locuzione è al femminile, volendo sottolineare ed enfatizzare ancora di più la grande rarità dell’evento.

“Notte bianca” indica un evento cittadino che prevede iniziative culturali, spettacoli, negozi e locali aperti tutta la notte. Si tratta di un’iniziativa messa a punto da diverse grandi città a partire dai primi anni del XXI secolo. Inoltre indica anche la notte di Natale che la tradizione vuole con molta neve, che è bianca, da cui l’espressione.

“Notte in bianco” significa trascorrere una notte senza dormire, in genere senza nemmeno andare a letto. L’origine di questa locuzione è dovuta al fatto che anticamente era di questo colore la veste indossata da chi avrebbe ricevuto il titolo di cavaliere durante la notte che precedeva la sua investitura. Durante questa notte, detta “veglia d’armi”, il futuro cavaliere era tenuto a trascorrere l’intera nottata sveglio ed in preghiera, in un luogo consacrato, vicino alle sue armi che sarebbero state benedette l’indomani. Il fatto che dovesse portare una veste bianca come quella dei novizi della Chiesa era dovuta al fatto che l’investitura aveva carattere religioso.

ore bianca

“Voce bianca” allude alla voce dei bambini e dei ragazzi che non hanno ancora raggiunto la pubertà e che quindi presentano ancora un tono vocale infantile dal momento che non hanno ancora acquisito il timbro della voce adulta. L’aggettivo “bianco” in questi casi si riferisce all’innocenza dovuta all’età giovanile. In origine però indicava la voce degli eununchi, ovvero individui privi di ghiandole genitali in seguito ad evirazione o per difetto organico.

“Bianco come un cencio/un cencio lavato” o “bianco come uno straccio” indica una persona con un colorito pallido, livido o grigiastro conseguente generalmente ad un grande spavento. Ciò trae origine dal fatto che soprattutto in passato per lavare i tessuti si usavano prodotti molto forti che sbiancavano i tessuti, da cui questa espressione.

“Treno bianco” ovvero il treno adibito al trasporto di ammalati in pellegrinaggio a luoghi miracolosi, in particolare a Lourdes.

“Mandare/andare in bianco” significa fallire in uno scopo, non ottenere quanto si era preventivato. Si utilizza quando ciò che si desidera sembra a portata di mano ed invece inaspettatamente imprevedibile sfugge di mano. Spesso è riferito al campo sessuale.

“Prendere/Dare a intendere bianco per nero” vuole dire cadere in un errore grossolano o capire una cosa per un’altra. Questo è dovuto al fatto che il bianco nella cultura italiana allude al positivo, all’innocenza fino all’ingenuità invece il nero indica il negativo.

Quindi…

Si può concludere dicendo che queste espressioni con il bianco hanno vari significati che oltre a trarre origine dalla simbologia del colore in Occidente e che vedono questo colore associato all’innocenza, a fenomeni biologici come l’albinismo e all’immagine tradizionale di un evento (ad esempio la neve a Natale) ma nella maggior parte dei casi invece il modo di dire è legato soltanto a ragioni storiche. Infine è importante notare l’importanza nella cultura italiana del contrasto tra i colori bianco-nero quando si intende esprimere gli opposti positivo-negativo.

Leggi anche

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

E ricevi nella tua casella di posta le nostre novità, ancora fresche di stampa!

Fantastico! Iscrizione effettuata!

Pin It on Pinterest

Share This