Lo Spazio riflette il tuo Mondo Interiore

La qualità dei tuoi pensieri e dei tuoi stati d’animo guida le tue azioni e determina la qualità delle tue giornate. Ti capita di incontrare persone, vivere situazioni e frequentare ambienti che sono proprio allineate alla stessa frequenza che senti dentro di te? Come è possibile? Questo articolo è un momento di condivisione per riflettere in che modo la qualità del tuo spazio abitativo è lo specchio di una parte profonda di te.

Dentro e Fuori: le stanze dell’anima e della casa

Il riferimento classico più conosciuto è Ermete Trismegisto, una figura leggendaria a cui è attribuita la fondazione della corrente filosofica nota come ermetismo. La filosofia ermetica, come percorso di evoluzione personale, si basa sulla conoscenza di sette leggi universali, in questo articolo sono due quelle che aiutano a comprendere il collegamento tra le tue dinamiche emozionali e lo spazio in cui vivi :

  1. La legge dell’analogia:
    “Come sopra, così sotto – come sotto, così sopra. Come dentro, così fuori – come fuori, così dentro. Come nel grande, così nel piccolo.”
    Tutto ciò che senti dentro di te si proietta nella realtà attorno a te, e viceversa, tutto ciò che ti succede attorno influenza la tua sfera psico-emotiva.
  2. La legge della risonanza:
    “Due cose simili si attirano e si amplificano. Due cose differenti si respingono.”
    Su un piano più sottile, significa che il sentimento che muove il tuo pensiero o le tue azioni ha una qualità, che attira nella tua vita tutto ciò che contiene la stessa caratteristica.

Per il Feng Shui la casa si sceglie perché sentiamo che ci assomiglia (Legge della Risonanza) tant’è che è considerata come il prolungamento del sistema mente-corpo espanso in uno spazio circoscritto, la tua seconda pelle.

L’amore che dedichi alla tua casa rispecchia il modo in cui ami te stesso e le tue relazioni (Legge dell’analogia). Non esiste la casa perfetta perché nessuno è perfetto. Esiste la possibilità di creare un ambiente equilibrato ed armonioso che ti invia stimoli per stare bene con te stesso e con gli altri.

Dentro  e Fuori : Pensieri ed Emozioni guidano le Azioni

Pensa ai giorni in cui sei in balia di sentimenti negativi come invidia, rabbia, paura, preoccupazione, frustrazione, vergogna, senso di colpa ecc.. in questi momenti è facile cadere nel ruolo di vittima (incolpando le cose, gli altri, il destino ecc…), anziché chiedersi quali azioni e soluzioni si possono mettere in atto per reagire in modo pro-attivo.

Sono giorni in cui non hai voglia di prenderti cura di TE STESSO:

– ti trascuri nel CORPO, magari mangiando oltremisura o inquinandolo con dipendenze di fumo o alcol.

– disprezzi il tuo VALORE INTERIORE, svilendo le tue abilità, le tue risorse e i tuoi talenti, riducendo la tua auto-stima, sottovalutando la tua auto-efficacia. Tendi a sminuire il tuo “saper fare” e il tuo “saper essere” .

In questi giorni non credo che darai il meglio di te e riserverai la tua parte migliore AGLI ALTRI, anzi potresti avere la facile tendenza a biasimare, condannare e criticare le persone che ti circondano, creando relazioni interpersonali di bassa qualità, faticose e problematiche.

Sono convinta che non avrai neppure il desiderio di dedicare attenzioni e gentilezza allo SPAZIO in cui vivi (casa-lavoro-ambiente). A casa la pulizia passa in secondo piano, cercare dettagli di stile per ingentilire e dare personalità e carattere al tuo spazio abitativo è l’ultima cosa a cui pensi. Gli armadi sono strapieni, panni accumulati e stropicciati, mescolati tra sporchi e puliti, dispense in cucina disordinate, frigo con avanzi di cucina buttati là senza nessuna gratitudine per il cibo, oggetti appoggiati dove capita, posta e bollette dimenticate. Al lavoro non ti curi del tuo armadietto o degli spazi condivisi, getti a terra cartacce e scontrini, lasci il bagno disordinato o sporco, la tua scrivania è un ammasso di fogli e cartelline ecc… Nel luogo dove vivi butti il mozzicone di sigaretta dove capita (strada, spiaggia, boschi..) o appoggi la bottiglia di birra sul primo muretto, lanci rifiuti dal finestrino dell’auto, imbratti muri con le scritte ecc…

Come vedi, questi atteggiamenti di mancata cura e rispetto per lo spazio in cui vivi, per l’azienda che ti dà un lavoro e per la terra in cui sei ospite, non solo, sono la violazione di regole educative, sociali e civili di un buon vivere comune, ma sono la chiara manifestazione di qualcosa che dentro di te non è guarito, elaborato e accettato e che non provi un senso di appartenenza a te stesso e che ti distacca anche da tutto il resto.

Poi pensa ai giorni in cui le cose vanno come vuoi tu, come avevi pianificato e ottieni ciò che desideri, il tuo umore è alto provi emozioni positive di gioia e soddisfazione. Ti senti appagato perché i tuoi bisogni sono soddisfatti e non ci sono problemi che cambiano il tuo status quo e le tue sicurezze. Sei sorridente, sereno e predisposto ad aiutare gli altri, sei più incline all’ascolto e al dialogo e le tue relazioni sono piacevoli. Ci tieni al tuo aspetto e a migliorarlo con una dieta sana, regolare esercizio fisico. Desideri avere una casa ordinata, bella e valorizzata per accogliere amici con cui passare serate serene, la tua scrivania al lavoro è libera da pile di carta, gli scaffali tutti in ordine, per strada usi i bidoni e raccogli l’immondizia sulla spiaggia.

Ti ci ritrovi in questi esempi? La qualità dei tuoi pensieri e dei tuoi sentimenti ti spingono a compiere delle azioni, verso la tua persona, gli altri e lo spazio di casa, di lavoro (e l’ambiente) che avranno conseguenze reali e tangibili sulla tua vita, di cui solo tu sei il responsabile. Per questo occorre portare consapevolezza nella gestione dei PENSIERI e delle AZIONI :

  1. Inserire nel tuo stile di vita discipline come Meditazione, Yoga, Pnl, Comunicazione Consapevole ti aiuta ad osservare i tuoi schemi MENTALI ed EMOZIONALI in modo da gestirli con più consapevolezza, senza subirli.
  2. Imparare ad agganciare i tuoi stati d’animo di benessere non a persone o circostanze esterne, che potrebbero non accadere o esserci mai, ma a tue AZIONI CONCRETE (atti di gentilezza, gesti di generosità, atteggiamenti di gratitudine ecc..) ti permette di auto-produrti sentimenti positivi, a prescindere da ciò che stai vivendo o chi stai frequentando.

La tua casa non ha giudizi su di te, ti accoglie ogni giorno così come sei.

La tua casa ha bisogno di te e delle tue cure per essere pulita, alleggerita, ingentilita.

La casa contiene un’anima: la tua

Condurre uno Stile di Vita improntato al Benessere Consapevole, significa abituarsi a prendersi cura ogni giorno del tuo Corpo, della Mente, dello Spazio e delle Emozioni.

Lo spazio, di casa e di lavoro, riceve da te le stesse cure e attenzioni che tu offri a te stesso.

Guarda la tua casa, le tue stanze, i tuoi arredi, il tuo posto di lavoro, la tua scrivania, il tuo negozio, sono lo specchio di ciò che hai dentro di te, nella tua parte più profonda, nella tua anima.

Spazi e arredi pieni di oggetti (a volte doppi, rotti, inutilizzati, nascosti ecc..) o disorganizzati (dove non si trovano le cose che si sa di avere, ma quando se ne ha bisogno non si sa dove cercarle), o al contrario troppo precisi e perfettini (dove tutto deve rimanere cosi com’è, non è possibile spostare qualcosa) sono manifestazioni esteriori di una parte della coscienza che ancora ha bisogno di essere osservata, compresa ed accettata per poi essere riequilibrata.

In balia della confusione o nel voler tutto “sotto controllo”, non c’è spazio per accettare il cambiamento con serenità, e anche lo spazio ne risente e soffre.

Siamo tutti in un cammino evolutivo per lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato.

Per evolvere occorre vivere in armonia in casa e con se stessi : dentro e fuori.

Leggi anche

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

E ricevi nella tua casella di posta le nostre novità, ancora fresche di stampa!

Fantastico! Iscrizione effettuata!

Pin It on Pinterest

Share This