Cosa vuol dire stare con una DOC?

Cosa vuol dire entrare in relazione con una ragazza DOC che ha un’infarinatura di psicologia clinica e che vede disturbi di personalità un po’ ovunque? Vuol dire concludere bruscamente un rapporto, affrontare un anno di terapia CBT e che vivere con convinzioni non tue. Ebbene sì, essere accusati di comportamenti che mai hai fatto e avere continuamente diagnosi di chissà quale terribile disturbo di personalità e nello specifico una non psicologa senza nessuna competenza se non la grande convinzione mi ha diagnosticato un narcisismo patologico a cui ha creduto fino alla fine. A cui ho creduto per diverso tempo e che, con un fortissimo senso di colpa, ho affrontato una terapia. Mi ricordo i risultati dei questionari di personalità: nessun disturbo per personalità, depressione grave e il MMPI mi rilevava una personalità antisociale. Mi disse la terapeuta quali fossero i miei ultimi problemi con la legge, aggressioni, risse e distruzione di opere pubbliche. Ma io, un semplice cameriere che frequenta centri di meditazione quando avrei avuto tempo di commettere simili atrocità? Mai in verità. Ho risposto come avrebbe voluto lei. Perché i miei comportamenti non empatici in verità non lo erano, ed ho avuto bisogno di vederli sul serio oltre le etichette che lei aveva assegnato. Ho dovuto rendermi conto che i miei problemi di stress e burnout erano veri e non erano invenzioni da utilizzare per manipolare chissà chi. Ho dovuto rendermi conto che l’alcolismo non era una reale strada di realizzazione e che lavoravo in un posto deleterio. E che tutto questo era vero e che, una personalità DOC come lei, egocentrica, non riconosceva. Sembra molto brutto da dire, ma ho compreso a mie spese che vuol dire il rapporto Raniero e Fosca (dal film di Carlo Verdone) con Lei-Raniero incurante del benessere dell’altro, è unicamente spinto dal continuare a riproporre la propria visione rigida e squadrata e iperanalizzante del mondo e a correggere chiunque sia in dissonanza con questa sua visione o ad avere continue lezioni di vita da chi ne sa più di te. Del resto, il mio “grande” abuso narcisistico è stato unicamente dirle che non riuscivo a parlarle in quanto ogni mia frase era dissezionata e analizzata parola per parola e che, chiaramente questo mi creava sia imbarazzo che senso di inadeguatezza. Ringrazio l’anima pia del mio terapeuta che mi ha aiutato a ragionare su queste parole, a riavere fiducia in me e nella capacità di amare. Di non essere un mostro narcisista psicopatico manipolatorio e di avere cura della mia salute. Nessuno di noi è una persona perfetta, si commettono 10mila sbagli. Si commettono 10mila cose buone. Ma è giusto che sia così. In amore si discute. Le diagnosi lasciamole agli psicologi che si corre il rischio di far molto male agli alti e di rendere tossici i rapporti sentimentali. Dopo tanti anni dal film commedia di Verdone, comprendo il suicidio della (amata?) Fosca e Scilla, avevo intrapreso l’alcolismo e una via di auto-demonizzazione irreale per rientrare nella coerenza narrativa (oserei dire mitologica) della mia ex. Ad oggi sono circa 10 mesi che non ho nessun contatto con lei, ma continua ad essere presente nei miei sogni, nei miei rapporti con la mia attuale fidanzata e nei miei momenti in cui sono un po’ giù. Ma vedo positivamente il futuro.

Risponde Loris Pinzani

Loris Pinzani

La mente umana si esprime come meglio può, con gli strumenti di cui l’individuo dispone.  Generalmente lo sforzo maggiore viene profuso nel tentativo di  difendersi come gli è possibile dalle sue stesse paure; in questo tentativo, talvolta estremo, maggiore è la protervia espressa, più forte  il timore da cui si fugge. L’uomo ha potenzialmente la grande capacità di rendersi conto delle difficoltà che incontra e porre riparo al disagio che esse arrecano. Qualunque sia la condizione a cui si debba far fronte, ogni sforzo compiuto verso il raggiungimento di un equilibrio viene abbondantemente ripagato. Più delle diagnosi (per loro natura specialistiche e complesse), l’aspetto fondamentale è il raggiungimento di una stabilità coerente con la vita reale. Molti auguri ed a presto. 

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

E ricevi nella tua casella di posta le nostre novità, ancora fresche di stampa!

Fantastico! Iscrizione effettuata!

Pin It on Pinterest

Share This