Come migliorare la fiducia in te

La percezione dell’Autostima

Ogni persona percepisce la propria Autostima in modo diverso, ed è diversa questa percezione anche all’interno di ciascun settore in cui l’Autostima viene sentita.

Il Livello della nostra Autostima ha un impatto importante in ogni settore della nostra vita:

  • In Famiglia
  • Col nostro partner
  • Coi nostri Figli
  • Coi colleghi di lavoro
  • Nelle Relazioni con gli altri
  • Nel Raggiungere i nostri Obiettivi
  • Nella nostra Salute Psicologica e Fisica
  • Nella Vita Spirituale
  • Nel Raggiungere la Felicità e l’appagamento
  • Nella vita sessuale
  • Nel Raggiungere un’intesa ed una intimità con le persone

La nostra Autostima Sostiene ed Innalza la Qualità della vita!

È importante specificare che l’autostima è un fattore dinamico, che evolve nel tempo e può subire variazioni anche notevoli nel corso della vita. Non si nasce con la giusta autostima. Essa va piuttosto coltivata, curata, alimentata durante il corso dell’esistenza.

Se una bassa autostima si dimostra un fattore di ostacolo nella vita di una persona, allo stesso modo un’autostima eccessiva può avere effetti deleteri. Ad un estremo ci sono infatti coloro la cui autostima è bassa, all’altro estremo coloro che godono (soffrono) di eccessiva autostima, finendo spesso col sentirsi sempre sicuri di stessi e ritenendo di fare sempre la cosa giusta, anche quando le cose non stanno così.

Queste ultime persone corrono il rischio di non “accorgersi” dei propri errori, dal momento che la loro sicurezza personale è così elevata da renderli incapaci di vedere alternative di comportamento diverse da quelle prese in considerazione.

Si parla in questo caso di autostima ipertrofica, ovvero iper-sviluppata. Chi la possiede, come già accennato, si mostra particolarmente sicuro di sé, spesso orgoglioso, ma anche presuntuoso e testardo. Incapace di guardarsi indietro, di analizzare il proprio passato insieme agli errori commessi per trarne insegnamento.

In media res…

in media res

Come frequentemente accade, la virtù sta nel mezzo. Nel caso dell’autostima questa affermazione è sicuramente appropriata.

Una sana autostima si manifesta nella capacità di percepirsi e di rapportarsi a se stessi in modo realistico, positivo, rilevando i punti forti e quelli deboli, amplificando ciò che è positivo e migliorando quello che invece non lo è.

Significa anche essere in grado di ammettere che c’è qualcosa che non và quando le circostanze lo richiedono. Una persona con una sana autostima non è infatti perfetta, ma al contrario di chi non si rispetta abbastanza sà come valorizzare le proprie abilità e capacità e come tenere sotto controllo i difetti e le parti del proprio carattere meno amate.

La sana autostima è indipendente dal giudizio degli altri, è caratterizzata da una profonda conoscenza di sè stessi, aiuta a mantenere i punti di forza ed a migliorare quelli di debolezza, promuove obiettivi stimolanti ma non eccessivi, spinge la persona al confronto con se stessa e con gli altri.
La bassa autostima nasce generalmente da una discrepanza tra il sé ideale ed il sé percepito. Il sé ideale è rappresentato da ciò che si vorrebbe essere, dalle qualità che si desidererebbe possedere, dal carattere e dalle capacità che si vorrebbero come parte costituente della propria persona. Il sé percepito è dato invece dall’insieme delle percezioni e delle conoscenze che possediamo su noi stessi.

Si tratta in sostanza di come ci vediamo, di come crediamo di essere.

A chi non è mai capitato di pensare: “Vorrei tanto possedere quella capacità” oppure “Vorrei essere così ma non ne sono capace”? Tutto ciò e perfettamente normale, entro certi limiti. La soglia viene valicata nel momento in cui la persona si rassegna al fatto che non sarà mai come vorrebbe essere. Così facendo la sua paura si concretizza, diviene un dato di fatto

L’autostima è solo una componente del nostro benessere psicologico ma funziona come una particolare lente che ingigantisce o miniaturizza le nostre risorse personali

Come migliorare l’autostima?

  • Rispondi a queste domande, ti permetteranno di migliorare la fiducia che riponi in te:
  • Cos’è per te l’autostima?
  • Quando senti di avere una buona stima di te stesso/a?
  • Cosa deve accadere affinchè tu abbia un’alta Valutazione di te stesso/a?
  • Cosa devi fare affinchè tu senta una buona autostima?
  • Come ti devi Comportare per Sentire una Buona Stima di te?
  • In quali settori della vita devi essere bravo per avere un’alta Valutazione di te?
  • Cosa devi pensare, volere, credere per sentirti stimato/a?
  • Ed in quale contesto, ambiente, situazione devi dire, fare, agire o comportarti in quel modo?
  • Che atteggiamento dovresti avere per Sentire un’alta stima di te?
  • Come dovrebbe cambiare l’atteggiamento di te?
  • Come potresti dare il Meglio di te per sentirti stimato?
  • Quali mie Risorse personali posso Attivare per Migliorare la mia autostima? Fai un elenco di almeno 10 Risorse:
  • Come posso accedere alle mie Risorse personali per Migliorare me stesso ed Aumentare la stima di me?
  • Cosa devo Fare per essere al mio Meglio?
  • Cosa posso Fare per Esprimere il mio Potenziale adesso?
  • Cosa mi limita dall’avere una buona autostima?
  • Quali sono i miei blocchi?
  • Cosa devo fare per Superare i blocchi che diminuiscono la mia autostima?
  • In che cosa mi devo impegnare per avere un’ottima stima di me?
  • Cosa devo imparare per Migliorare la mia Autostima?
  • Come mi Sentirò fra un mese, un anno, 10 anni o più dopo aver Migliorato la mia Autostima?
  • Che contributo Posso dare agli altri Migliorando la mia Autostima?
  • Come Migliorerà la qualità della mia vita?
  • Come Migliorerà la qualità della vita delle Persone a me Care?

Provare per credere!

Leggi anche

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

E ricevi nella tua casella di posta le nostre novità, ancora fresche di stampa!

Fantastico! Iscrizione effettuata!

Pin It on Pinterest

Share This