Sport: da passione a realizzazione di sé

Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Competizione: dimostrare di valere qualcosa a tutti i costi!

Ognuno di noi ha il bisogno di confermare a se stesso il proprio valore personale. Tuttavia, alcune volte, l’individuo rimane, per propria scelta consapevole o inconsapevole, lontano da ambiti nei quali mettersi alla prova. Nel rapporto con determinati sport, i quali creano un certo clima di competizione, si potrebbe generare un massiccio investimento di energie e risorse in assenza di uno scopo preciso con effetti negativi sull’umore e sui rapporti sociali.

Molti di noi si cimentano in nuove discipline sportive: calcio, danza, corsa e altro ancora. Praticare attività fa bene al corpo e alla mente, aumentando il nostro benessere generale. Tuttavia lo sport potrebbe perdere questo suo prezioso ruolo: quando esso diventa un nuovo spazio per dimostrare a noi stessi quanto valiamo, potremmo produrre più stress e perdere di vista obiettivi importanti per la nostra vita.

I benefici dello sport su mente e corpo

benefici dello sport

Tutte le attività sportive hanno importanti benefici sulla nostra mente. Stimolando la produzione di preziose sostanze da parte del nostro corpo, si riduce parecchio lo stress accumulato dal lavoro e da impegni della giornata. I muscoli e gli organi rigenerano i propri tessuti e attraverso il sudore, eliminiamo le tossine presenti nell’organismo.

L’esercizio fisico inoltre, permette di scaricare emozioni quali ansia e rabbia, poiché allontana i pensieri e le preoccupazioni. Si genera uno spazio all’interno del quale si mette in pausa tutto il resto e la mente si rigenera. L’effetto globale è un innalzamento del tono dell’umore grazie all’effetto di un prezioso circolo virtuoso: sensazioni di benessere a livello del corpo, incrementano la produzione di pensieri positivi. A loro volta questi ultimi contribuiscono a mantenere alta la sensazione di benessere corporeo e bassi i livelli di stress.

Quando il nostro impegno nello sport diventa fonte di malessere

Quando si pratica alcune attività sportive, potrebbe accadere di iniziare progressivamente a confrontarsi con altri del proprio gruppo. Soprattutto alcune discipline come la danza, favoriscono l’emergere di un clima competitivo con la creazione di gare e spettacoli. È normale che alcuni di noi siano più portati a misurarsi nelle proprie capacità a differenza di altri, tuttavia se questo aspetto prende il sopravvento l’attività praticata potrebbe iniziare a perdere il suo valore positivo. Potrebbe accadere di osservare gli altri mentre fanno lo stesso esercizio e produrre pensieri del tipo: <io non riuscirò mai a farlo bene così, non valgo nulla>, <se io non riesco a farlo non riuscirò mai, è inutile che sia qui>…. Pensieri di questo tipo aumenteranno il senso di frustrazione, l’ansia da prestazione e l’autosvalutazione che, a seconda della personalità, potrebbero tradursi in differenti comportamenti. Si potrebbe aumentare energie e sforzi per migliorarsi, oppure, abbandonare definitivamente.

Cosa contribuisce trasformare uno sport da hobby a lavoro?

Alcune volte l’individuo si cimenta in faticose scalate per migliorarsi e ottenere risultati nel praticare il proprio sport, ciò potrebbe lentamente far perdere il confine tra passione/hobby e realizzazione della propria personalità. Ognuno di noi ha desiderio di misurarsi in un ambito: sentiamo l’esigenza di dimostrare a noi stessi di valere qualcosa e di non aver fallito. Esistono circostanze particolari, quali ad esempio non aver scelto il proprio lavoro oppure aver proseguito un’attività di famiglia, le quali bloccano il raggiungimento di questo scopo. Se non ci sono state concretamente delle occasioni della nostra vita che ci hanno permesso di misurare il nostro valore personale, trovare uno spazio dove finalmente mettersi alla prova diventa una tentazione irresistibile. Tuttavia, pochi sono consapevoli di cosa spinge a questa scalata nel proprio sport preferito, lo fanno e basta, senza aver bene in mente quale sia la vera meta. Dunque il vincere una gara o il riuscire in un esercizio difficile o ricevere un complimento, non sarà mai sufficiente a colmare quel bisogno di riconoscimento.

Inoltre, nello sport, oltre all’impegno c’è necessità di età adeguata e soprattutto una buona dose di talento naturale qualora lo si voglia trasformare in una vera e propria carriera e quindi in lavoro. Tuttavia nella maggioranza dei casi difficilmente si pensa: < voglio perfezionarmi per diventare un’insegnante di danza nella vita>; molto più comunemente si pensa: «voglio vincere questa gara!»/«voglio essere la più brava del mio corso»/«voglio essere scelta dalla maestra per lo spettacolo», senza chiedersi perché è così importante per me.

Cosa si rischia trasformando lo sport in un lavoro?

sport come lavoro

Quando investiamo tante energie senza un chiaro obiettivo nella nostra testa, si crea un ciclo vizioso che porta frustrazione, tristezza e scarsa stima di sé. Infatti, se non sappiamo dove siamo diretti, la nostra energia andrà sprecata e non investita su altri obiettivi importanti. Inoltre, la rabbia e la paura del fallimento, potrebbero alimentare convinzioni erronee sull’altro peggiorando i rapporti: < se dopo tanti sforzi non ottengo nulla, la colpa è degli altri che non riescono a riconoscere il mio valore>.

Riconoscere la spinta a realizzare il proprio sé dietro ogni competizione è fondamentale, poiché solo in questo modo possiamo scegliere il contesto adeguato all’interno del quale ha senso mettersi alla prova, investendo energie e sforzi.

Prima di scalare la montagna chiediamoci se è proprio quella che vogliamo conquistare! Successivamente, dobbiamo avere il coraggio di provarci: infatti uno dei motivi per i quali è così difficile prendere consapevolezza di tutto questo risiede proprio qui. La paura di fallire potrebbe inconsapevolmente determinare un evitamento delle situazioni che davvero potrebbero servirmi per misurarmi nella realizzazione personale.

Solo aumentando la consapevolezza su questi meccanismi la nostra passione per uno sport può conservare tutti i preziosi benefici, mantenendo il clima di competizione su bassi livelli di stress, ansia e frustrazione.

Leggi anche

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

E ricevi nella tua casella di posta le nostre novità, ancora fresche di stampa!

Fantastico! Iscrizione effettuata!

Pin It on Pinterest

Share This